Ecco come realizzare... un buon tetto sulla testa!

362 Visualizzazioni

Il tetto svolge un ruolo fondamentale per un edificio.
Impermeabilizzazione e impiego di isolanti termici e acustici di alta qualità proteggono da eventi atmosferici, sbalzi di temperatura e rumori provenienti dall'esterno.

La struttura di un tetto

Un tetto standard è formato da tre strati diversi:

  • uno strato impermeabile
  • una listellatura per appoggiare la copertura
  • un manto di copertura (come le tegole)

A seconda del progetto, a questi strati si possono aggiungere altri materiali.
Le tipologie di tetto si distinguono per materiali impiegati e per livello di protezione dell'immobile: la scelta della giusta soluzione dipende dalla funzionalità dei materiali, dalla loro durabilità e dalla tipologia di copertura.

I materiali

I materiali maggiormente impiegati per realizzare e ristrutturare un tetto sono:

  • il legno
  • il cemento

Il legno è più resistente, pur restando leggero e traspirante. Fra le sue qualità ci sono un'ottima capacità di isolamento e un aspetto estetico sempre elegante e piacevole. Questo materiale offre una maggiore resistenza antisismica ed, essendo ecocompatibile, permette nel suo processo di produzione un buon risparmio energetico.

Il cemento è sicuramente un materiale meno costoso, più stabile e pratico, ma comporta dei tempi di realizzazione più lunghi, un maggior peso complessivo della struttura e, al contrario del precedente, una minore resistenza antisismica.

Per quanto riguarda la costruzione di un tetto in tegole, è possibile scegliere fra diversi materiali per la copertura:

  • laterizio
  • pietra
  • cemento
  • fibrocemento ecologico

Isolamento termico e acustico = comfort

È possibile coibentare un tetto sia termicamente che acusticamente.

L'isolamento termico impedisce il passaggio di calore e favorisce il mantenimento della temperatura interna, proteggendo il comfort dell'abitazione dal caldo estivo e limitandone la dispersione in inverno. Ciò si traduce con un maggiore risparmio energetico e consumi minori sul lungo periodo.

L'isolamento acustico pone uno schermo fra spazi interni e rumori esterni, in modo da limitarne la percezione. Vivere in un ambiente poco rumoroso garantisce una migliore qualità della vita, sia durante il giorno che nelle ore notturne.

Per ottenere la massima efficienza termoacustica si può combinare alla struttura in legno il pannello isolante. 

Il tetto ventilato

Un tetto ventilato, realizzato con un buon pannello isolante, permette di mantenere una temperatura costante all'interno dell'edificio.

In inverno, questa struttura protegge i materiali da gocce di umidità e condensa, che potrebbero alla lunga intaccarne la resistenza e la tenuta: uno strato isolante asciutto scongiura anche la comparsa di pericolose muffe.

In estate, la ventilazione assicura di poter bilanciare temperatura interna ed esterna, rendendo più vivibili anche gli spazi posizionati più in alto in un edificio (come mansarde o soffitte).

Un tetto ventilato consente di ridurre la dispersione energetica, gestendo in modo più efficace il riscaldamento e il condizionamento.

Noi proponiamo il sistema tetto tradizionale ventilato stratificato come segue:

  1. Assito in legno
  2. Schermo freno al vapore USB MICRO di Riwega
  3. Pannello rigido isolante SMARTROOF THERMAL di Knauf
  4. Membrana riflettente ad alta traspirazione USB REFLEX PLUS di Riwega
  5. Nastro monoadesivo acrilico TAPE 1 PE di Riwega

Pubblicato in: Consigli